Prossimi Eventi
24.03.2019
Incontro primaverile per le famiglie, a Novazzano
26.03.2019
Incontri per fidanzati, primavera 2019, a Mendrisio
27.03.2019
Conferenze di Quaresima, con Don Laim, a Balerna
29.03.2019
24 ore per il Signore, a Morbio Inferiore
06.04.2019
Pastorale familiare diocesana: terzo incontro per famiglie 2019, a Lugano-Breganzona




Santa Teresa di Gesù Bambino


"Nel pomeriggio ritornando dai vespri trovai l'occasione per parlare a Papà. Si era seduto sul bordo della vasca e là, con le mani giunte, contemplava le meraviglie della natura ... senza dire parola mi sedetti al suo fianco, gli occhi già bagnati dalle lacrime ... attraverso le lacrime gli confidai il mio desiderio di entrare al Carmelo. Allora le sue lacrime si mescolarono alle mie, ma non disse una parola per distogliermi dalla vocazione ..."

(dal Manoscitto Autobiografico A di Santa Teresa)

 

Nasce il 2 gennaio 1873, e viene battezzata con il nome di Maria Francesca Teresa.

Chi non conosce Santa Teresa di Gesù Bambino e del Volto Santo, Santa Teresina? A solo pochi anni dalla morte, questa giovane carmelitana, entrata in monastero a Lisieux a 15 anni e ivi morta a 24, il 30 settembre 1897, grazie a Storia di un'anima, la sua autobiografia, è conosciuta in tutta la Chiesa e nel mondo. Oggi é venerata da cristiani, mussulmani, buddisti, animisti ... e ammirata da agnostici e non credenti.
In un tempo in cui Dio anche all'interno della Chiesa era conosciuto come giusto giudice a cui offrire sacrifici e preghiere di espiazione per il perdono dei peccati propri e altrui, lei, leggendo e meditando la Parola, soprattutto il Vangelo, lo scopre nella sua Verità: Dio è soprattutto Amore e Misericordia. Dio è Padre che si china su ogni creatura e la giustizia di Lui ha questo preciso significato: giustificare l'uomo peccatore nel Cristo, il Figlio da lui mandato come uomo per redimere i fratelli.

Tutti. Perchè i poveri, i piccoli della terra, i peccatori sono stati resi figli nel Figlio e il Padre, come scrive Matteo nel suo Vangelo, dopo averglieli dati "non vuole che nessuno di questi piccoli perisca" (18, 14).

Beatificata il 29 aprile 1923 da Pio XI, che la chiamava "la stella del mio pontificato", è da lui proclamata Santa il 17 maggio 1925, mentre il 14 dicembre 1927 la dichiara, alla pari di S. Francesco Saverio, patrona universale delle Missioni. Lei che non era mai uscita  dalla clausura del monastero, ma che con la sua preghiera e immolazione, con la sua offerta all'Amore misericordioso, era giunta fino alle estreme periferie del mondo.

Il 19 ottobre 1997, San Giovanni Paolo II la proclama Dottore della Chiesa.

Teresa Martin è la terza donna, dopo Teresa d'Avila e Caterina da Siena ad essere proclamata Dottore della Chiesa e nel Carmelo sempre il terzo Dottore dopo Giovanni della Croce e Teresa d'Avila.

Nella fotografia qui sotto, la croce posta sulla Tomba di Suor Tresa di Gesù Bambino al cimitero di Lisieux.